I Grigi

I Grigi

1986, Cavazza, provincia di Belluno. Centodue abitanti.

Nessuna ruota panoramica. Nessun cinema. Nessun villaggio vacanze.

Angelo darebbe qualunque cosa pur di non dover seguire suo padre Pietro in questa nuova assurda scampagnata. Ne ha abbastanza di essere il figlio dello “Strano”. Ma Angelo è minorenne, deve obbedire. E l’idea di una vacanza padre e figlio per i monti non sarebbe tutto sommato così male, se l’obiettivo non fosse… dar la caccia agli alieni.

Perché di questo si tratta. Dar la caccia agli alieni. Che non esistono. Lo sanno tutti.

Tutti tranne Pietro, che è convinto che abbiano rapito sua moglie e li cerca ormai da anni.

Angelo si prepara così all’ennesima estate da incubo, ma le cose cambiano quando incontra Claudia.

Claudia con l’apparecchio. Claudia coi genitori fissati con l’inquinamento. Claudia che ha sempre la risposta pronta e sa sempre che cosa fare. Claudia che non lo prende in giro per il padre che si ritrova.

Con lei tutto è perfetto. Almeno finché la ragazza non fa notare ad Angelo una serie di piccoli dettagli. Strani dettagli. Le persone, a Cavazza, si comportano in modo insolito. Parlano di misteriosi bagliori che si accendono durante la notte. Nessuno pensa agli alieni, gli alieni non esistono… ma poi Angelo e Claudia trovano un gigantesco uovo argentato, nel bosco.

Un uovo che non è un uovo.

A quel punto Angelo ha solo un pensiero per la testa: e se suo padre non fosse davvero pazzo?

  • Per avventurarsi insieme in un tunnel spazio-temporale tra letteratura, cinema e serie tv.

     

  • Perché I Grigi offre spunti di riflessione che spaziano dalla fisica alla letteratura.

     

  • Per indagare insieme il genere letterario della fantascienza.

Da dove nasce un romanzo?

Da dove arriva l’ispirazione? Sono le domande più frequenti che vengono rivolte a uno scrittore. In certi casi l’idea è una e immediata. Altre volte la genesi della storia è complessa e riguarda un insieme di esperienze e di vissuto che si compone nel tempo, lentamente, quasi sedimentando. Guido Sgardoli tenta di spiegarlo in questo backstage di I Grigi, creando un viaggio esperienziale unico, costituito da collegamenti mentali e audiovisivi. I Grigi è un romanzo che trae la sua ossatura dal cinema, dalla letteratura, dalla TV, dai viaggi, dai giochi di ruolo, e che ci fa scoprire come molte delle cose che conosciamo e che pensiamo nuove, moderne, vengono in realtà da molto lontano o sono già state sperimentate in altre epoche. Ogni autore si ispira ad altri che l’hanno preceduto, in un percorso del quale a volte si perdono le tracce.

Libri per le stesse classi